3.8.2011_«Un giro dell’oca senza senso»: i comitati di Nago-Torbole bocciano la Provincia

da IL TRENTINO del 03 agosto 2011 — pagina 24

RIVA. L’ultima versione del collegamento Busa-Loppio elaborata dalla Provincia prevede un tunnel a tre corsie (due in salita, una per la discesa, larghezza totale 13,75 metro comprese due banchine laterali) con entrata da una rotonda da costruire al bivio della Mala -appena sopra Nago- ed uscita poco a sud della discarica (un curvone ininterrotto lungo in tutto 3,5 chilometri), l’attraversamento del Sarca con un nuovo ponte, 500 metri di strada in sponda destra e la rotonda finale al Cretaccio all’altezza del bicigrill.
Sotto il piano stradale è previsto un cunicolo di sicurezza, solo pedonale, largo poco meno di due metri e mezzo ed alto tre.
I Comitati viabilità e vivibilità di Nago-Torbole e del Linfano -Erminio Ressegotti e Giorgio Briosi- contestano pesantemente la proposta della provincia.
La critica fondamentale è rappresentata dal fatto che per unire le due estremità della galleria -da metà della salita verso passo san Giovanni (quota 245 metri) alla piana (quota 65 metri, dislivello complessivo 170 metri)- distanti 1400 metri in linea d’aria il progetto della provincia propone di costruire 3,5 chilometri di tunnel, facendo un giro dell’oca all’interno della montagna, solo per rispettare il 5% di pendenza massima consentita dalle norme sulle sicurezza delle strade.
Con gli stessi 3,5 chilometri dritti, affermano i comitati, si arriverebbe a metà del lago di Loppio, risolvendo anche il problema rappresentato dal superamento del passo San Giovanni per cui la relazione fatta elaborare da Pacher prevede -senza peraltro una qualche quantificazione della spesa prevista- una successiva sistemazione dei tratti più critici della viabilità esistente al fine di consentire un traffico più agevole ai mezzi pesanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *