Solo il bene ha profondità e può essere radicale.

Ecco la riflessione di HANNAH ARENDT contenuta nel libro “EICHMANN A GERUSALEMME. LA BANALITA’ DEL MALE” letta ieri sera nella conferenza-spettacolo “Se questo è un uomo”  al teatro sociale di Mori:

“La mia opinione è che il male non è mai ‘radicale’, ma soltanto estremo e che non possegga né la profondità né una dimensione demoniaca. Esso può invadere e devastare tutto il mondo perché cresce in superficie come un fungo. Ed è una sfida al pensiero, perché il pensiero cerca di raggiungere la profondità, andare a radici e, nel momento in cui cerca il male è frustrato perché non trova nulla. Questa è la ‘banalità’ del male: solo il bene ha profondità e può essere radicale.”

Sono convinta che la vita sia bellissima.

Ecco il brano,tratto dal libro di Emanuela Zuccalà “Sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana Segre fra le ultime testimoni della Shoah“, che ha chiuso la conferenza-spettacolo “Se questo è un uomo” di ieri al teatro sociale di Mori.

“Quando io testimonio cosa è stata la volontà di rimanere vivi in un contesto come quello dei lager nazisti e della marcia della morte attraverso la Polonia e la Germania, non posso fare a meno di dirlo anche ai ragazzi che mi ascoltano: Non usate mai la frase, non ce la faccio più. Siete tutti mie nipoti: io non voglio parlarvi solo da testimone della shoah,  non voglio farvi vedere solo gli orrori che io ho visto vissuto. Voglio raccontarvi la vita perché sono convinta che la vita sia bellissima.”

… la fantasia, ovvero la libertà.

Ritengo giusto pubblicare e portare all’attenzione anche di chi ieri non c’era un breve passo tratto da “UNO PSICOLOGO NEI LAGER. DIRE DI SI ALLA VITA NONOSTANTE TUTTO” di VIKTOR EMIL FRANKL letto nella conferenza-spettacolo di ieri sera al teatro sociale di Mori:

“Coricarsi su un fianco nudi, per farsi caldo l’un l’altro. Lasciarsi andare alle cose quasi a vivere una vita altrui. Inventarsi immaginarie conferenze, fingersi relatore mentre si scava la fossa per un cadavere nel fango e sotto la pioggia. Guardare senza vedere e concedersi l’unico spazio che le SS non potevano penetrare: la fantasia, ovvero la libertà.”

Grazie detenuti di San Vittore

Ieri sera, nella conferenza-spettacolo “Se questo è un uomo” tenutasi al teatro sociale di Mori, è stato letto questo passo tratto dal libro di Emanuela Zuccalà “Sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana Segre fra le ultime testimoni della Shoah“.

Il brano mi aveva già emozionato durante la lettura del libro, ma ieri sera, complice la splendida interpretazione degli attori della compagnia teatrale Gustavo Modena di Mori, ha ulteriormente commosso me e, credo, gran parte dei presenti (che hanno reso omaggio sia al brano che alla sua interpretazione con un lungo applauso); la lettura ha rappresentato un momento di svolta dell’intero spettacolo perché da quel momento il coinvolgimento del pubblico è stato totale e ancor più convinto.

Ecco il brano:

Presentazione del libro “Tra storia e futuro. Cento anni di Settimane sociali dei cattolici italiani”

LA PRESENTAZIONE E’ STATA RINVIATA A VENERDI 28 GENNAIO

L’Associazione culturale Luigi dal Rì consiglia la partecipazione alla presentazione del libro “Tra storia e futuro. Cento anni di Settimane sociali dei cattolici italiani” di Ernesto Preziosi

La presentazione avverrà alla presenza dell’autore

Lunedì 29 novembre

Venerdì 28 gennaio presso la Casa Natale A. Rosmini, Sala degli Specchi – C.so A. Rosmini, 28

introduce Sergio Zaninelli, coordina Pierangelo Giovanetti
vai anche al link:

http://associazioneluigidalri.wordpress.com/lassociazione-consiglia/presentazione-del-libro-tra-storia-e-futuro-cento-anni-di-settimane-sociali-dei-cattolici-italiani/